Unità Operative

  • Unità Operativa Recupero e Riabilitazione Funzionale (COD. 56)

    Recupero e Rieducazione Funzionale (COD. 56) Dotata di 36 posti letto

    L’Unità Operativa si caratterizza per la cura e la riabilitazione di pazienti affetti da malattie neurologiche ed è specializzato nel trattamento delle lesioni spinali e delle malattie cerebrovascolari.

    L’obiettivo primario è quello di consentire all’Utente il raggiungimento della massima autonomia ed indipendenza. In particolare, nel progetto riabilitativo si prende in carico il paziente nella sua globalità, producendo un miglioramento non solo delle performance motorie, ma portando al massimo recupero possibile tutti i sistemi lesi; ciò attraverso l’utilizzo di tecniche diagnostiche e riabilitative innovative che permettono il contenimento delle disabilità e la conseguente ripresa delle abilità relazionali del paziente.

    Inoltre, all’interno della struttura è attivo il Dipartimento di Ricerca che è concretamente impegnato in una serie di progetti e collaborazione che hanno una rilevanza internazionale, che si pongono come obiettivo primario l’utilizzo di tecnologie di nuova generazione mirate al massimo contenimento dei danni determinati dalle patologie neuromotorie.

    PERSONALE

    Medico Responsabile
    Dott.ssa Crocifissa Lanzilotti

    Aiuto Medico
    Dott. Vincenzo Tagliente

    Assistente Medico
    Dott.ssa Manigrasso Anna

    Medici Specialisti
    Dott.ssa Anna Maria Cafolla – Fisiatra
    Dott. Vito Leuzzi – Anestesia e Rianimazione
    Dott. Pietro Scalone – Oculistica

    CONTATTI

    Centralino
    tel. 0831 – 3701

    Segreteria Sanitaria
    tel. 0831 – 370372

    Segreteria Dipartimento di Ricerca
    tel. 0831 – 370223

    e-mail Dipartimento di Ricerca
    ricerca.ceglie@sanraffaele.it

  • Unità Operativa Gravi Cerebrolesioni Acquisite

    Gravi Cerebrolesioni Acquisite dotata di 60 posti letto (COD. 75),  al suo interno sono presenti 10 posti letto di Terapia sub-intensiva riabilitativa per  Gravi Cerebrolesioni Acquisite.

    Presso il Presidio Ospedaliero di Riabilitazione ad Alta
    Specialità di Ceglie Messapica è attiva l’Unità Operativa Gravi Cerebrolesioni Acquisite.
    L’Unità Operativa si caratterizza per la presa in carico di pazienti provenienti dai reparti di rianimazione, neurochirurgia e neurologia affetti da gravi cerebrolesioni acquisite.

    All’interno dell’Unità Operativa è presente la sezione di Terapia sub-intensiva, con 10 posti letto, che è deputata alla presa in carico dei pazienti ad alta complessità, affetti da esiti di patologie acquisite craniche e spinali dovute a casue traumatiche o mediche (come emorragie, traumi spinali cervicali, ischemia cerebrale e del tronco encefalo, esiti di interventi neurochirurgici che evolvono in stato di coma o di grave tetraplegia, estesi processi infiammatori del sistema nervoso).

    PERSONALE

    Medico Responsabile
    Dott.ssa Crocifissa Lanzilotti

    Aiuto Medico
    Dott.ssa Maria Rosaria Cicero

    Assistente Medico
    Dott. Sergio Anglani
    Dott. Mauro Di Maggio
    Dott.ssa Maria Costanza Marzano
    Dott. Jorge Solano Navarro
    Dott. Leonardo Rodano

    Medici Specialisti
    Dott. Vito Leuzzi – Anestesia e Rianimazione
    Dott. Pietro Scalone – Oculistica

  • Day Hospital Riabilitativo

    Day Hospital Riabilitativo dotato di 9 posti letto, di cui 4 posti letto dedicati alla disabilità dello sviluppo

    All’interno del DH riabilitativo la Struttura dispone del Centro per le disabilità dello sviluppo rivolto a bambini, giovani adulti o adulti portatori di dette patologie.
    Realizzato sulla base di un modello anglosassone, il Centro dispone di un’équipe dedicata alla valutazione ed individuazione di una diagnosi ed un progetto riabilitativo che prevede il coinvolgimento oltre che degli educatori (terapisti, psicologi, logopedisti) anche della famiglia e della scuola.

    La famiglia in particolare viene considerata un’importantissima risorsa a cui vanno fornite informazioni precise sulla diagnosi riabilitativa, sulla prognosi e sul percorso terapeutico.

    Proprio le più moderne teorie sistemiche spiegano infatti come non sia possibile separare la “mente” dai contesti in cui il bambino è inserito, dalla “famiglia” alla “scuola”, dalla “terapia” al “tempo libero”.

    L’équipe del centro per lo Sviluppo Infantile esplica la propria attività o con un meccanismo di Day Hospital nello spazio di uno o due giorni per arrivare a quella che si è definita la diagnosi riabilitativa e la stesura del progetto riabilitativo.

    In questo processo risulta fondamentale l’accoglienza da parte del personale infermieristico “dedicato” che in un clima familiare spiega ai genitori il funzionamento del Centro e l’organizzazione della giornata, approntando le “schedules” con l’elenco delle visite che i bambini faranno durante il giorno al tempo stesso offrendo ai professionisti un quadro completo delle visite che dovranno fare in quella giornata.

    PERSONALE

    Medico Responsabile D.H. Pediatrico
    Dott.ssa Claudia Condoluci

    Medico Responsabile D.H. Adulti
    Dott. ssa Crocifissa Lanzilotti